cerca

Ecommerce B2C nel 2024: ecco i numeri e i settori che risultano più ricchi

I dati del Politecnico di Milano confermano il trend di forte crescita anche per il primo quadrimestre dell’anno in corso e le ottimistiche previsioni fino al 2027

Nelle scorse settimane il nostro Magazine di evoluzionecommerce, il team specializzato che affianca le imprese nel loro percorso online, ha pubblicato un articolo sul valore commerciale dell’ecommerce in Italia. In quel servizio abbiamo puntato l’attenzione prevalentemente sul business-to-business e sul forte incremento delle vendite aziendali verso altre aziende, grossisti, liberi professionisti e commercianti. Oggi, senza necessariamente ripetere i numeri già pubblicati in passato, vogliamo invece addentrarci nell’ecommerce B2C, cioè quello rivolto al consumatore finale. Anche qui, fin dal primo quadrimestre, dobbiamo registrare forti crescite rispetto al 2023 con un sorpasso epocale importante tra i primi della classe. Entriamo più nelle percentuali di crescita e nei settori di maggiore interesse per il pubbli

Il settore dell’arredamento balza improvvisamente in testa

I dati che vi forniamo sono stati ricavati dall’Osservatorio Ecommerce B2C – School of Management del Politecnico di Milano, presentati durante il recentissimo convegno “L’ ecommerce B2C in Italia”, al quale anche evoluzionecommerce è stata invitata.

Gia nel 2023, gli acquisti online di prodotti avevano raggiunto, nel nostro Paese, valori che hanno superato ampiamente le più rosee previsioni di qualche anno fa.

Nel 2024 il trend di crescita continua con grande intensità, segnando un incremento del 6% rispetto all’anno precedente. È un andamento che si prevede possa continuare almeno fino al 2027. Difatti, sono molte le aziende che si stanno attrezzando velocemente per vendere su Internet, qualora non lo avessero già fatto.

Tra i settori più performanti, l’Arredamento e Home Living si è distinto con una crescita del 12% rispetto al 2023.

Il motivo principale sembra risiedere nel fatto che oggi è supportato da un notevole miglioramento della customer experience, in particolare grazie all’omnicanalità, all’utilizzo dell’Extended Reality e all’offerta di servizi logistici di valore aggiunto. A questo si devono aggiungere le strategie di comunicazione più aggiornate.

Subito dietro troviamo il settore dell’Auto e Ricambi, che ha registrato un aumento del 10%, seguito dal Food & Grocery che, dopo una contrazione del 2% nel 2023, è cresciuto con un rimbalzo dell’8%.

Il tasso di penetrazione degli acquisti online sui consumi totali è rimasto stabile all’11% e il comparto dell’Informatica ed Elettronica di Consumo continua a dominare, rappresentando il 42% della spesa complessiva online.

L’Arredamento e Home Living ha superato il settore dell’Abbigliamento in termini di incidenza degli acquisti online, salendo dal 17% al 19%, mentre la moda è rimasta stabile al 18%.

Come detto, questi dati emergono dall’Osservatorio del Politecnico di Milano. Sono stati presentati durante il convegno “L’ecommerce B2C in Italia: i principali comparti di prodotto”.

L’evento ha fornito un’analisi approfondita del mercato ecommerce B2C, con un focus sui settori di Abbigliamento, Arredamento e Home Living, Auto e Ricambi, Beauty & Pharma, Food & Grocery, Informatica ed Elettronica di Consumo. Vediamoli più nel dettaglio.

Arredamento e Home Living: un Settore in Espansione

Il settore dell’Arredamento e Home Living, comprendente arredi per interni ed esterni, oggettistica, accessori per la cucina, tessili e illuminazione, ha registrato una crescita del 12%.

I progetti innovativi in questo settore si concentrano sull’ottimizzazione della customer experience, sfruttando tecnologie come l’Extended Reality. Questo accorgimento permette ai clienti di progettare i propri spazi online. Inoltre stanno evolvendosi sempre di più i servizi logistici avanzati, come la consegna al piano.

Crescita nel Settore Auto e Ricambi

Il settore Auto e Ricambi ha registrato una crescita del 10% rispetto al 2023, grazie all’aumento delle vendite di automobili e pezzi di ricambio online.

Questo settore dimostra che, ormai, l’ecommerce non ha più confini legati all’utilizzo della carta di credito. Con opportune strategie di vendita, oggi si possono realizzare con successo negozi online, dove siano esposti prodotti di alta gamma, anche a prezzi che non sono per tutte le tasche.

Un evidente segnale, in questa direzione, è la crescita degli ecommerce di gioielleria che presentano creazioni di alta gamma.

Rimbalzo del Food & Grocery

Il comparto Food & Grocery ha visto una ripresa dell’8%, dopo la contrazione del 2023.

I segmenti principali includono il Food Delivery, la spesa online dai supermercati e l’enogastronomia.

La copertura del Food Delivery è aumentata, raggiungendo il 76% degli abitanti italiani, con una crescita del 2% rispetto al 2023 e una maggiore penetrazione nei piccoli comuni.

Altri Settori in Crescita

Il comparto Beauty & Pharma, che include prodotti farmaceutici e per la cura personale, ha registrato una crescita del 7% rispetto al 2023.

Anche l’Informatica ed Elettronica di Consumo ha continuato a crescere, registrando un aumento del 6%.

Il settore dell’Abbigliamento ha visto una crescita del 5%, con un focus sull’ottimizzazione del mercato di seconda mano e il lancio di nuove piattaforme di vendita da parte di produttori, grossisti e commercianti al dettaglio.

Prospettive per il futuro: si vende ancora di più

Secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano, l’ecommerce di prodotto nel 2024 mostra una duplice dinamica. Da un lato c’è l’ottimizzazione delle attività e dei processi per mantenere la competitività in un contesto instabile. Dall’altro, emerge l’adozione di progetti audaci e tecnologicamente avanzati.

Inoltre è stato evidenziato anche il dato del Delivery Index, che ha registrato un aumento del 13,5% nel volume delle spedizioni da ecommerce nel primo quadrimestre del 2024. Dunque si continua a vendere di più.

Tuttavia, è stata sottolineata la necessità di investimenti infrastrutturali per migliorare l’integrazione tra canali di vendita online e offline, e per potenziare le competenze dei professionisti e la capacità di investimento delle PMI italiane.

Come investire, su chi e su che cosa

Se non si investe nulla, non si ricava e non si guadagna nulla. Anche il Big Bang è esploso da qualcosa che già esisteva, anche se ancora non ne abbiamo chiarezza. Dal nulla non si costruisce nulla.

Nel mondo degli ecommerce ci sono molte aziende che investono per farsi trovare, per migliorare il branding e per vendere, sia online che offline.

Alcune ottengono grandi successi, altre modesti risultati, altre ancora fanno dei flop spaventosi. Sul web vince chi ragiona da imprenditore e investe soltanto sulla base di attività ragionate e consapevoli.

Con i suoi clienti, evoluzionecommerce ragiona da imprenditore con gli imprenditori, ben sapendo che “fare azienda” non è un’impresa per incoscienti.

Per gli imprenditori che desiderano sfruttare appieno le opportunità offerte dal mercato ecommerce, è essenziale investire in una strategia digitale robusta. Ecco alcuni consigli pratici sui settori di investimento.

Digitalizzazione: serve allocare risorse per migliorare la presenza online, ottimizzare i siti web e le piattaforme di ecommerce, rendendole user-friendly, affidabili e coinvolgenti.

Omnicanalità: è utile sviluppare una strategia omnicanale che integri senza soluzione di continuità i canali di vendita online e offline. Soprattutto nel B2B è quanto mai necessario abbinare i sistemi di vendita tradizionali con quelli online.

Consulenti Digitali: è indispensabile collaborare con consulenti esperti in marketing digitale, SEO, interazione con il cliente, creatori di contenuti, copywriter e data analytics per migliorare la visibilità online e la customer experience. Questi professionisti servono ad aiutare a capire appieno il comportamento dei consumatori e a ottimizzare le campagne di marketing.

Tecnologie Innovative: ormai non si tratta più di sperimentare, ma di attuare le tecnologie emergenti, come l’Extended Reality (XR) e l’intelligenza artificiale (AI), per offrire esperienze di acquisto uniche e personalizzate.

Logistica Avanzata: anche se non è prioritario, è bene prevedere investimenti in soluzioni logistiche avanzate che migliorino la velocità e l’affidabilità delle consegne, come la consegna al piano e il tracking in tempo reale.

Formazione Continua: evoluzionecommerce investe diverse decine di migliaia di euro ogni anno per mantenersi al passo con le tecniche di comunicazione più avanzate e con l’evoluzione delle nuove tecnologie. Lo stesso è consigliabile che facciano anche le aziende, per restare al passo con la consapevolezza dei nuovi strumenti che l’online propone e aggiorna. Per questo motivo, affianchiamo le imprese nel loro percorso online impegnandoci anche a mantenere aggiornati gli imprenditori.

Una rete vendita perfetta, rapida e capace

L’ecommerce è una rete vendita che funziona 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Tuttavia, molte aziende usano Internet soltanto per acquisire nuovi clienti, mediante il sito ed anche l’ecommerce. Clienti che vengono intercettati online, ma il cui rapporto commerciale viene finalizzato offline.

Evoluzionecommerce si impegna a inviarvi clienti altamente profilati e disposti ad un immediato contatto con l’azienda. Ma poi, è bene che gli imprenditori si dotino di venditori abili a chiudere con un contratto la massa dei clienti che ogni giorno si presenta sul loro tavolo.

Lo possono fare con una email, con una automazione del CRM o con una semplice telefonata.

Per questo motivo, uno dei principali investimenti su cui un’azienda deve porre l’attenzione è quello che riguarda una rete vendita, particolarmente efficace nel condurre il cliente dall’online all’offline.

Per nostra esperienza vi diciamo che è molto difficile che un venditore tradizionale possa adattarsi ad una così innovativa tecnica d’incontro con il cliente. Ci sono nuove strategie di vendita da applicare.

Normalmente, ai nostri clienti indichiamo gruppi di studio con cui formare i venditori di questo tipo. Personale giovane, pagato a provvigione e non con un fisso mensile, quindi che gravano sull’impresa solo per un costo sul venduto. Nessun rischio.

(Se vuoi mettere in leva venditori di questo tipo anche per massimizzare la resa del tuo sito online, contatta evoluzionecommerce).

Questo tipo di venditori deve conoscere in modo perfetto le logiche della comunicazione sul web, deve essere immediato nel contatto con il cliente e, infine, deve essere capace nell’utilizzare tutti i materiali che l’azienda fornirà.

Grazie al nostro supporto, nessun venditore sarà mandato allo sbaraglio, ma dovrà impegnarsi a convertire i clienti che evoluzionecommerce presenterà all’azienda.

Ecco, abbiamo elencato alcuni piccoli, grandi suggerimenti che, tuttavia, fanno la differenza tra imprese online di successo ed altre che restano perennemente insoddisfatte dei risultati mai raggiunti.

È così che gli imprenditori possono posizionarsi in modo competitivo nel mercato ecommerce, capitalizzando sulle tendenze emergenti e soddisfacendo al meglio le esigenze dei consumatori.


– Per comprendere meglio e saperne di più su come affrontare un percorso proficuo con la tua azienda online, unisciti alla community di imprenditori che abbiamo creato su LinkedIn. Chiedi di partecipare adesso –

Leggi tutti gli editoriali di evoluzionecommerce
Leggi le nostre news quotidiane

Questo post è un’esclusiva di evoluzionecommerce, il team che affianca gli imprenditori di tutta Italia nelle vendite online e nella valorizzazione della propria presenza su Internet. Chiedi per maggiori informazioniO inserisci qui sotto una tua opinione su quanto hai appena letto.

"Quanti tuoi clienti comprano online?"

Questa la domanda a cui molte aziende devono dare risposta.

Scopri di più sul "Focus del mese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *