cerca

L’e-commerce vende felicità nelle tristi favelas del Brasile

Ecco come un imprenditore di San Paolo riesce a consegnare oltre 800 pacchi al giorno nelle zone più malfamate del mondo

Le baraccopoli brasiliane sono tra i luoghi più pericolosi, violenti e poveri del mondo. Pensare di entrare in una favela per consegnare qualsiasi tipo di merce è sempre stata considerata una impresa ad alto rischio di rapina.

Tuttavia, un imprenditore nato e cresciuto nelle favelas di San Paolo, Givanildo Pereira Bastos, ha intercettato un forte desiderio di chi vive in quelle zone abbandonate dal mondo: potere ordinare online e ricevere i pacchi a casa propria.

L’organizzazione si chiama Favela Brasil Express ed è fiorita nel quartiere di Paraisopolis, abitato da oltre 100.000 poveri. Un quartiere dove la gente vive in baracche ma con il telefonino in mano.

Secondo Pereira, i suoi corrieri non consegnano semplici beni di consumo acquistato online, ma vera e propria felicità. Quella di essere considerati alla pari del resto del mondo.

Ovviamente tutto questo avviene tra enormi difficoltà. Spesso non è facile individuare gli indirizzi corretti, spesso alcune baracche devono essere raggiunte a piedi, spesso ci si trova davanti a malintenzionati.

Tuttavia la Favela Brasil Express è riuscita, finora, a creare 40 nuovi posti di lavoro per gli stessi abitanti delle favelas (l’esperimento è stato replicato anche a Rio e a Minas Gerais), raggiungendo finora una media di circa 800 consegne al giorno.

Per ulteriori informazioni su quanto esposto o su altre problematiche relative agli e-commerce contatta la nostra redazione. Ti risponderemo nell'arco di poche ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.