cerca

E-commerce: come funziona per riuscire a vendere

Buyer persona, Carneade … chi era costui? Per fortuna nessuno di noi è Don Abbondio e, quindi, nelle prossime righe risolviamo il mistero che, nella fattispecie, cambia la vita di ogni vendita online. Molti pensano che per vendere su internet sia sufficiente aprire un e-commerce, scegliere la piattaforma su cui farlo girare, riempire un catalogo, […]


Buyer persona, Carneade … chi era costui? Per fortuna nessuno di noi è Don Abbondio e, quindi, nelle prossime righe risolviamo il mistero che, nella fattispecie, cambia la vita di ogni vendita online.

Molti pensano che per vendere su internet sia sufficiente aprire un e-commerce, scegliere la piattaforma su cui farlo girare, riempire un catalogo, fare qualche pubblicità, e il gioco è fatto.

Sono fandonie che mettono in testa gran parte delle web agency, desiderose soltanto di farti pagare la loro fattura.

In realtà, riuscire a fare funzionare un e-commerce per vendere (e vendere bene) non è poi così complicato, ma bisogna seguire un percorso serio e professionale, senza il quale ogni sforzo sarà vanificato.

In altre “pillole” di evoluzionecommerce ho già affrontato questo argomento e qual è la convenienza di aprire un e-commerce, ma oggi voglio parlarti della costruzione della tua buyer persona.

Molti confondono questo termine americano con la profilazione del tuo cliente tipo. In realtà la creazione della tua buyer persona va molto aldilà di un semplice profilo ed è un elemento essenziale per vendere online.

Identificare la tua buyer persona significa, in parole povere, analizzare e conseguentemente utilizzare i processi mentali che si sviluppano nel tuo cliente, potenziale o già acquisito, per acquistare da te.

In termini molto più drastici, si tratta dei procedimenti più o meno consapevoli per i quali il tuo cliente decide di fare defluire del denaro dalla sua banca al tuo conto corrente.

È proprio questo il risultato principale che ci attendiamo da un e-commerce. Difatti, poco importa quanto ci costa, l’importante è quanto ci farà guadagnare.

Questa “pillola” di evoluzionecommerce sarà molto breve, perché in realtà tra poco ti inviterò a seguire un video molto completo in grado spiegarti a fondo cosa significa costruire la tua buyer persona e perché è necessario farlo.

Dura circa 25 minuti, ma credimi che si tratta di tempo speso bene per il tuo lavoro e per avanzare nel tuo successo online. Magari, se ti va, sottrai questo tempo a qualche solone televisivo. Ci sono tuttologi in ogni canale giorno e notte.

Prima di rimandarti al video, come promesso, voglio solo riassumere i cinque principi fondamentali che compongono la mappa decisionale che utilizzano i tuoi clienti quando vogliono comprare:

  1. Priorità (perché comprano)
  2. Fattori di successo (risultati attesi dopo l’acquisto)
  3. Barriere percepite (freni all’acquisto)
  4. Processo di acquisto (come si informano)
  5. Criteri di decisione (cosa fa scattare l’acquisto)

Questo il video che ti avevo promesso:

Per ulteriori informazioni su quanto esposto o su altre problematiche relative agli e-commerce contatta la nostra redazione. Ti risponderemo nell'arco di poche ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.