cerca

Aumento dei prezzi in Italia: sugli e-commerce si risparmia

Secondo l’ISTAT a maggio 2022 l’inflazione vola al 6,9% e, per questo motivo, gli acquirenti preferiscono comprare su Internet dove il mercato risulta più conveniente

Secondo i dati pubblicati dall’ISTAT, a maggio 2022 si riscontra un aumento generalizzato dei prezzi pari al 6,9% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente.

Per questo motivo, il comparatore prezzi Idealo ha avviato una propria indagine per capire se la spinta inflativa coinvolge soltanto il commercio fisico o anche quello online.

A parte il settore farmaceutico, che fa registrare un lieve decremento dei prezzi, tutti gli altri settori presentano rincari, a volte considerevoli, come nel mondo dell’elettronica.

Peraltro, su 1975 categorie di prodotti analizzate, il 69,3% riscontra un aumento dei costi di acquisto al consumo e nel B2B. Una percentuale che sale al 71%, se si limita l’indagine alle principali 100 categorie più richieste online.

Tuttavia, Idealo conferma che il pubblico acquista più volentieri sugli e-commerce, in quanto è online che trova le maggiori possibilità di risparmio.

Si tratta di un’indicazione interessante per quelle aziende che ancora non hanno deciso di vendere anche su Internet.

Per ulteriori informazioni su quanto esposto o su altre problematiche relative agli e-commerce contatta la nostra redazione. Ti risponderemo nell'arco di poche ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.