cerca

Malattia e-commerce: il marketing che non c’è

Spesso le imprese si affidano alle web agency per produrre campagne pubblicitarie che non si traducono in vendite e creano danni. Ecco cosa succede e perché

Il buon funzionamento di un e-commerce che produca utili aziendali dipende, in prima battuta, dalla qualità del marketing con cui si promuovono prodotti e servizi. Un marketing inesistente non produce danni, ma neppure guadagni. Un marketing frettoloso e inadeguato crea disastri e disamore per il mercato online.

Il "marketing che non c'è" non è soltanto quello inesistente, ma ancor più quello che viene erogato con superficialità a svantaggio delle aziende. Qui di seguito, facciamo insieme alcune riflessioni sulle fondamenta necessarie per erigere azioni di marketing che non siano dolorose e che producano positive conversioni nelle vendite online.

Continua >>

Cogli le opportunità
Abbonati GRATIS al Magazine

Resta sempre un passo avanti con la vendita online e ricevi i migliori articoli ogni settimana. L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti con 1 clic.

#ecommerce — Aggiornamenti rapidi dai social network

Pok Pok investe $3M nel marketing

Pok Pok vende giochi online per bambini. Dopo una prima crescita organica, ora investe 3 milioni nel suo #ecommerce per acquisire nuovi clienti.

Upway riceve $25M

#ecommerce focalizzato su biciclette elettriche ricondizionate prende un finanziamento da oltre 25 milioni di dollari per la sua espansione.

$18M nel 2021 per hibobbie.com

Bobbie — #ecommerce focalizzato in alimenti naturali per bambini — chiude il 2021 con vendite record di 18 milioni di dollari.